Fuji

Finepix S602Z
Sensore: Sccd 3.1mp effettivi (output 6mp)
Obiettivo: Fujinon Super EBC zoom ottico 6x
35-210mm f2.8-f3.1
Messa a fuoco: Auto, Manuale, Macro, Super Macro
Esposizione: Program AE, p. Diaframma, p. Tempo ,Manuale, Scene
Esposimetro: TTL a 64zone, spot, average
Compensazione: +2EV / -2EV intervalli 0.3 EV
Flash: Auto, Forzato,Anti occhi rossi, Slow synchro
Uscita video: PAL
Registrazione: video 640x480 30fps con sonoro
Supporti memoria: doppio ingresso SM e CF type II
Batterie: 4 AA stilo
Peso: 500gr
Trasferimento: USB



Nome macchina (Marca - Modello) : Fuji S602Z
Qualità immagine : Molto buona consideranto un 3.1mp reali
Disposizione dei comandi e facilità di raggiungimento: tutti perfettamente raggiungibili, il diaframma e il
tempo di scatto si regolano tramite una ghiera e non bisogna navigare in menu come succede in tante macchinette (odioso). C'è una ghiera per la messa a fuoco manuale sull'obiettivo.
Facilità d'uso: si può usare completamente in manuale oppure A, S, P o completamente AUTO
Autonomia : molto buona 300 scatti circa con AA Nimh 1800 mah
Modello di batteria (stilo AA, proprietarie, ecc..) : stilo AA alcaline oppure Nihm ricaricabili. Ottima idea , se si resta senza si entra in un tabaccaio e via...
Supporto di memorizzazione : doppio slot compact flash II e smartmedia. Si possono lasciare i due supporti contemporaneamente nella macchina.
Principali Pregi :
- struttura dela macchina e impugnatura
- Zoom 6x ottico
- esposimetro TTL
- EVF
- Attacco per flash esterno
- Disposizione dei comandi e utilizzo (è mooolto simile ad una reflex come
utilizzo )
- rapporto qualità/prezzo

Principali Difetti
- Lo zoom è motorizzato e non si può muovere manualmente come su Minolta 7
- Traferimento USB ci stava bene una IEEE 1394



Analisi Approfondita

La Fuji S602Z non appare solo come una fotocamera profesionale. Veduta al fianco di altre fotocamere a prezzo rivale offre davvero valore, grandi prestazioni e funzoni extra. La S602Z non è certo compatta ma è robusta e permette una presa salda (aiutata dalla finitura in gomma). I controlli sono buoni, solidi, posizionati in maniera logica comodi anche per chi ha le mani piu grandi della media (quante digitali possono vantare questo?).

Comoda anche la ghiera posta sulla parte fiu esterna dell'ottica che permette di regolare la messa a fuoco manualmente. Tutti i pulsanti e i selettori sono posizionati con estrema cura come accade sulla macchine reflex profesisonali.
La s602 è dotata di valide specifiche con tre sistemi di esposimetro e tutte le combinazioni di controllo fino ad andare all'uso completamente manuale.
In queto modo può far fronte ad ogni tipo di soggetto e a utenti di ogni livello. Per gl inesperti è possibile affidarsi alla modalità completamente automatica.
Anche la modalità movie è una sorpresa, è una funzione che solitamente non si considera dato che si sta parlando di una fotocamera ma in questo caso vale la pena di spendere due parole.
La maggiorparte delle digitali gestisce un frame rate di 15 fps con una modesta risoluzione di 320x240 mentre la s602z permette 30fps a 640x480.

Ma torniamo nell'ambito delle foto. Le immagini sono piu vivide e definite di qualsiasi normale camera da 3mp e in termini di resa del dettaglio possiamo collocare la s602z piu o meno al livello di un buon modello da 4mp. Ma ci sono altri fattori da tenere in considerazione come la buona saturazione e il buon bilanciamento del colore. Sul fronte dell'autonomia la Fuji S602Z si è dimostrata eccellente.

Ma ha solo 3mp....
La definizione pura e semplice non è l'unica unitò di misura della qualità dell'imamgine. Anche gamma dinamica , saturazione e bilanciamento del colore sono estremamente importanti, e la s602 ottiene risultati molto buoni in tutti questi campi.

RICERCA TECNICA : Il Super CCD 3.3mp (6mp) Fuji come funziona ?

Su questo fattore si è discusso a lungo. Quanto sono "buoni" i 6mp e i 3mp del super CCD Fuji ? Ho deciso così di interessarmi all'argomento , raccolgiendo info e seguendo discussioni riguardo al Super CCD.

Ho deciso alora di approfondire l'argomento riguardo la struttura del SCCD e come esso realmente lavora
Partiamo dalle specifiche base che si leggono sui giornali / depliant: il SCCD ha 3,3mp di sesori reali ma può produrre immagini da 6mp.

Iniziamo con i dettagli. Il SCCD ha una struttura diversa da un comune CCD i quanto le celle sono ottagonali e molto piu ravvicinate delle celle di un CCD (la distanza tra una cella e l'altra è dovuta alle piste di alimentazione/informazione).
Oltre a questa differenza il SuperCCD lavora a 45 gradi rispetto l'immagine catturata. (vedremo piu avanti cosa implica questo).

Il processo di cattura dell'immagine è un po' diverso da quello che ci si aspetta. Il Sccd cattura e produce come immagine base un'immagine da 6mp interpolando l'immagine a 45 gradi e quindi ruotandola di 45 gradi. Quindi l'immagne RAW che il Sccd produce, qualunque sia la risuluzione scelta dall'utente, è quella interpolata a 6mp.
Questo per dire che le immagini scattate a 6mp con la S602 sono la rappresentazione piu vicina all'immagine catturata.

Quindi non è vero che se si lavora con la S602 a 3mp si ottiene l'imamgine catturata dai 3.3mp reali del sensore ma si ottiene una immagine ricavata (downsampling) riducendo l'immagine base che il sccd cattura (quella a 6mp interpolati).

I sesori del Sccd sono allineati diagonalmente e questo riduce la distanza tra le celle orizzontale/verticale di 1 / sqrt/(2). Qesto allineamento riduce la risoluzione diagonale della stessa quantità. Non c'è un formato d'immagine corrente che può mantenere questa imamgine allineata diagonalmente così deve essere ruotata di 45 gradi che viene archiviata in maniera ottimale aggiungendo dei punti virtuali. Questi punti virtuali inseriti da 12bit/pixel sono così molto piu precisi di un intepolazione di un immagine di 3mp catturata da un sensore con allineamento orizzontale/veritcale classico.
Questo processo comporta una diminuzione di risoluzione nelle diagonali dell'immagine e un aumento della risoluzione verticale e orizzontale rispetto ad un normale CCD.
(la risoluzione di un immagine non è uguale nel rapporto orizontale/verticale e nelle diagonali).

Grazie al sensore inclinato di 45 gradi l'immagine catturata ha una risoluzione orizzontale/verticale di 3mp x sqrt(2) che equivale a circa 4.3mp ecco perchè una foto scattata con il Sccd 3mp è superiore ad una foto scattata con un normale CCD da 3mp.

I super CCD Fuji e in grado di produrre il 33% di dettagli in piu rispetto ad un CCD normale della stessa risoluzione. Quindi la S602 può essere tranquillamente paragonata con una macchina da 4.9 Mp.
Una Fuji S2 Pro (6mp reali 12mp interpolati) può essere paragonata ad una 8mp.

Da questa ultima affermazione nasce un ragionamento interesante:

La risoluzione (O/V) di una 4mp (intendo dire 4.000.000 pixels) è circa 1,15 volte quella di un 3mp (3.000.000 pixels) questo rapporto e' sqrt(4/3).
Ruotando l'array, con la risoluzione rispettiva, dovremmo ottenere 1.41 cioe' sqrt(2).

E' interesante fermarci a riflettere un attimo su quanto sia sensato spendere (ovviamente dipende dall'uso ma sto parlando generalmente) molto di piu per una fotocamera da 4mp per avere un incremento di risoluzione del 15% e non del 33% come si crede. Per chi non effettua grandi stampe questo è da tenere in considerazione.

Concludendo

Il motivo per cui la S602 risulta migliore rispetto alle macchine che montano CCd da 3mp e' dovuta al fatto che i test sui ccd notmalmente riportano i dati relativi alla risoluzione calcolati rispetto la risoluzione orizzontale/verticale , che in un normale CCD e' minore della risoluzione diagonale.

Con un sesore ruotato di 45 gradi la risoluzione maggiore cade sugli assi verticale/orizzontale.
Ovviamente in questo modo la risoluzione diagonale delle immagini prodotte dal Sccd è minore rispetto a quella prodotta da un CCD normale avente la stessa risoluzione fisica.

Ricordate comunque che la risoluzione non è tutto in una macchina , quindi non fate troppi conti provate , scattate e valutate la resa complessiva delle immagini prodotte.